Home » Conto corrente in rosso: nuovo anno – cattive notizie

Conto corrente in rosso: nuovo anno – cattive notizie

conto corrente in rossoIl conto corrente in rosso è da sempre un problema che assilla famiglia e soprattutto, professionisti e piccoli e medi imprenditori.
E’ noto che, in periodi di contrazione economica, poter fare affidamento su una certa flessibilità delle banche, è molto importante.

Questa flessibilità si manifestava, di solito, con la possibilità di sconfinamenti. In altre parole, chi era con il conto corrente in rosso poteva continuare ad operare e gli addebiti automatici venivano ammessi. Ovvio, non si trattava di operazioni gratuite, poiché le banche non regalano nulla. Ma in momenti di scarsa liquidità significava tanto.

Conto corrente in rosso: le nuove regole emanate dalla EBA

Con il nuovo anno entrano, invece, in vigore le nuove regole sul conto corrente in rosso emanate dalla Autorità Bancaria Europea.

In forza di queste regole, gli istituti di credito hanno il dovere di bloccare gli addebiti automatici quando il conto corrente è in passivo.

Questo significa che, se avete l’addebito diretto sul conto per bollette, utenze, ratei di finanziamenti, questi addebiti verranno automaticamente bloccati quando il conto non è coperto da sufficiente liquidità.

IMPRENDITORI, COMMERCIANTI E PROFESSIONISTI MESSI DEFINITIVAMENTE IN GINOCCHIO

Non ci vuole molto per capire come queste nuove regole avranno ripercussioni molto negative sulla vita economica di operatori di base. Parlo di piccole e medie imprese, dei commercianti, dei professionisti.

Tutti costoro, in un periodo di pesante contrazione economica, hanno fatto affidamento sulle possibilità di scoperti di conto corrente.

Insomma, con il conto corrente in rosso, l’imprenditore poteva almeno continuare a far fronte alle spese correnti necessarie per la sua attività.

Con le nuove regole, se il “banco piange”, i pagamenti in addebito sul conto vengono bloccati dalla banca. Questo significa, tra l’altro, che se, il creditore non viene pagato entro un certo termine, il correntista potrà essere segnalato alla Centrale Rischi.

Capite cosa comportano le nuove regole sul conto corrente per tutti noi? Assenza assoluta di flessibilità, blocco dei pagamenti, segnalazione come cattivi pagatori.

Attenzione, perché essere segnalati come cattivi pagatori, significa veder definitivamente chiuse le porte del credito “legale”.