figlio disoccupato ha diritto al mantenimentoUn dubbio che molti hanno è se il figlio disoccupato ha diritto al mantenimento. Per rispondere a questa domanda è necessari sapere cos’è il mantenimento dei figli e come si determina. Ho approfondito questo aspetto in un’altra Guida a cui vi rimando se ancora non l’avete ancora letta.

Il problema si pone in quanto l’obbligo di mantenere i figli permane in capo ai genitori anche se essi sono diventati maggiorenni. Quest’obbligo viene meno allorquando il figlio maggiorenne abbia raggiunto un autosufficienza economica.

Stato di disoccupazione – Elemento centrale per capire se il figlio disoccupato ha diritto al mantenimento

 

Abbiamo detto che i genitori hanno l’obbligo di provvedere al mantenimento dei figli anche se maggiorenni sin quando non abbiano raggiunto un sufficiente grado di indipendenza economica.

Il figlio che trova un lavoro, in linea di principio, ha raggiunto l’indipendenza economica? Non v’è dubbio che chi lavora con contratto a tempo indeterminato è economicamente autosufficiente. Lo stesso vale per chi intraprende una libera professione e produce un proprio reddito.

Anche il lavoro a tempo determinato non esclude che il giovane maggiorenne sia autosufficiente. L’autosufficienza economica viene rapportata alla capacità lavorativa derivante dall’acquisizione di una professionalità specifica.

Ma cosa accade se il giovane viene licenziato? Appunto stiamo parlando dello stato di disoccupazione che è decisivo per capire se il figlio disoccupato ha diritto al mantenimento. Lo stato di disoccupazione è proprio di chi ha perso il lavoro. In altre parole, chi ha lavorato, prodotto un reddito, raggiunto un autosufficienza economica, ma perde il lavoro si trova in stato di disoccupazione.

Stiamo immaginando il caso di un ragazzo maggiorenne che ha lavorato stabilmente e acquisito una propria professionalità. Ad un certo punto, viene licenziato. Si rivolge ai genitori per essere mantenuto, almeno finchè non trova un altro lavoro. Ha diritto il figlio disoccupato al mantenimento?

La risposta data dalla giurisprudenza è negativa. Allorquando il figlio maggiorenne è entrato nel mondo del lavoro stabilmente ed ha acquisito una sua professionalità perde il diritto al mantenimento.

COSA ACCADE SE IL FIGLIO MAGGIORENNE NON HA ANCORA TROVATO UN LAVORO?

In questo caso, il problema non è se il figlio disoccupato ha diritto al mantenimento. Chi non ha mai lavorato, non può essere considerato disoccupato. Lo stato di disoccupazione è proprio di chi ha perso il lavoro.

figlio disoccupato ha diritto al mentenimentoChi non ha mai lavorato, tecnicamente, viene qualificato come inoccupato. Come visto, non possiamo sostenere che il figlio disoccupato ha diritto al mantenimento, in quanto egli aveva raggiunto l’indipendenza economica. Ha perso dunque quel diritto.

Possiamo sostenere che perde il diritto al mantenimento anche il figlio inoccupato? Parliamoci chiaro. La giurisprudenza è piena di casi di figli quarantenni che chiedono ai genitori di essere mantenuti. Parlo di persone che non hanno mai lavorato.

Non si può pretendere di essere mantenuti dai genitori a vita. E’ chiaro che chi rifiuta diverse offerte di lavoro, o non si attiva per entrare nel mondo del lavoro, non potrà accampare scuse. I genitori potranno rifiutarsi di mantenerlo.

Se, invece, non vi è alcuna responsabilità del figlio maggiorenne, ma lo stato di inoccupazione dipende da particolari condizioni del mercato del lavoro, i genitori saranno tenuti a mantenerlo.

Sia nell’uno che nell’altro caso non esiste, tra l’altro, un limite di età. Ma è ovvio che con il passare degli anni i dubbi sulla responsabilità del figlio possono aumentare ed essere comprovati.

Come vedete stabilire se il figlio disoccupato ha diritto al mantenimento è cosa, molto diversa, dallo stabilire se, invece, ha questo diritto il figlio inoccupato. Nel primo caso, si perde il diritto al mantenimento. Nel secondo caso, sono necessari accertamenti inerenti al caso concreto.