Home » Ordinaria amministrazione e maggior interesse per i figli

Ordinaria amministrazione e maggior interesse per i figli

ordinaria amministrazioneOrdinaria amministrazione? Quando una decisione ha ad oggetto questioni di ordinaria amministrazione e quando invece riguarda questioni di maggiore interesse per i figli? I genitori separati si trovano spesso dinanzi a questo interrogativo. Le decisioni su questioni di maggiore interesse per i figli impongono un esercizio congiunto della responsabilità. Invece quelle su questioni di ordinaria amministrazione possono essere adottate separatamente anche in regime di affidamento condiviso.

Questioni di ordinaria amministrazione

 

Le decisioni di ordinaria amministrazione sono quelle che riguardano il normale evolversi della quotidianità dei figli. Non incidono su rilevanti aspetti della vita degli stessi, traducendosi, piuttosto, in decisioni di mera esecuzione ed attuazione pratica delle scelte di indirizzo già adottate ab origine.

Ecco perchè, in regime di affidamento condiviso dei figli, è prevista la possibilità da parte del giudice di disporre un esercizio separato della responsabilità genitoriale sulle decisioni di ordinaria amministrazione.

QUESTIONI DI MAGGIORE INTERESSE PER I FIGLI

Le decisioni di maggiore interesse per i figli, a differenza di quelle di ordinaria amministrazione, sono quelle che definiscono le linee di indirizzo educativo, formativo, religioso. Esse, quindi, sono destinate ad incidere profondamente sulla formazione dei figli. Questa è la ragione per cui sono rimesse ad un esercizio congiunto della responsabilità genitoriale sia in regime di affidamento condiviso dei figli sia in regime di affidamento esclusivo. In questo secondo caso, vene però fatta eccezione per le situazioni particolari che consigliano al giudice di escludere uno dei genitori da siffatte decisioni. 

A titolo esemplificativo, sono considerate questioni di maggiore interesse per i figli la scelta tra scuola pubblica e privata. In particolare, se si tratta di scuola appartenente ad un ordine religioso. Oppure, si consideri la scelta dell'indirizzo scolastico al termine del ciclo delle elementari e delle medie. Per ragioni economiche, rientrano nelle decisioni di maggiore interesse quelle concernenti ad esempio il battesimo.

Una delle questioni di maggior importanza è sicuramente quella che riguarda la salute del figlio. Si pensi al caso del genitore che aderisce integralmente all'omeopatia, precludendo al figlio la possibilità di avvalersi della medicina tradizionale. Oppure, alla scelta di un intervento di chirurgia estetica.

Gli esempi da fare sarebbero tanti. Il punto cruciale è comprendere il criterio di distinzione tra questione di ordinaria amministrazione e di maggiore interesse. Laddove si incide sulla formazione, sulla salute, su scelte cruciali di indirizzo di vita del figlio, si rientra nel novero delle questioni di maggior interesse, che, a parte casi particolari in regime di affido esclusivo, richiedono il consenso di entrambi i genitori.